Bocconcini spirituali

SAN RAFAEL ARNAIZ BARON
Dalla lettera a suo zio Leopoldo,
Duca di Maqueda del 17 aprile 1936

«La grande felicità della terra è
l’essere sospeso alla mano di Dio».  

LUC VAUBERT
Trattato della Santa Comunione

«L’Eucaristia ci unisce con il Salvatore, questa unione produce la rassomiglianza e ci predispone a gustare quanto Egli è dolce; questo gusto ci dona un piacere e questo piacere, infine, è la più forte attrazione d’amore verso Gesù Cristo. […] se voi volete gustare Gesù Cristo, sforzatevi di rassomigliargli»
[Leggi di più]

Dalla lettera n. 217 di
S. Elisabetta della Trinità

«Non è guardando alla nostra miseria che saremo purificati,
ma guardando a Colui che è tutto.
Purezza e santità»
 

[Leggi tutta la lettera]

IGNAZIO IV HAZIM
Patriarca Ortodosso di Antiochia
dal suo intervento all’Assemblea generale del Consiglio ecumenico delle Chiese, 
5 luglio 1968

– Senza lo Spirito, Dio è lontano, Cristo resta nel passato, l’evangelo è lettera morta, la Chiesa una semplice organizzazione, l’autorità dominio, la missione propaganda, il culto una sempliceevocazione e l’agire umano una morale da schiavi. –
[Leggi di più]

JEAN-CLAUDE LARCHET
Terapia delle malattie spirituali, SP, 35
«La virtù per l’anima è più che la salute per il corpo»
Dagli Scritti di s. Elisabetta della Trinità
Poesie 91, S. Maria 1905
«Amare è imitare Maria esaltando Dio»
[Leggi tutta la poesia]
ANDREA GASPARINO
Sessualità dono di Dio
Conversazioni con i giovani sull’etica sessuale
LDC, 11

«Nessuna debolezza grave è possibile a chi è giunto a una intimità vera e profonda con Cristo. Chi entra in amicizia profonda con Cristo rinnega a poco a poco tutto ciò
che dispiace a Cristo»
[Leggi di più]

JACQUES PHILIPPE
«Possiamo dire che le ispirazioni divine
si riconoscono dalle seguenti caratteristiche:
ci colmano di pace, non sono mutevoli
e imprimono in noi sentimenti di umiltà».

ALFONSO MARIA DE’ LIGUORI

Solitudine e aridità, Shalom, 16
– Immaginatevi, quando dubitate che il Signore vi ascolti, che Egli vi riprenda come san Pietro: «Uomo di poca fede. perché hai dubitato?»
(Mt 14,31).
[Leggi di più]

BERNARDO DA CHIARAVALLE

 Sermoni sul Cantico dei Cantici, XV, 6
«Se scrivi, non mi sa di niente se non leggerò ivi Gesù. Se discuti o ragioni, non mi sa di niente se non risuonerà ivi Gesù. Gesù miele nella bocca, melodia nelle orecchie, giubilo nel cuore»

Dall’Angelus del 13 aprile 2009
di Benedetto XVI
– La risurrezione di Gesù Cristo ha gettato un ponte fra il mondo e la vita eterna, sul quale ogni uomo e ogni donna può passare per giungere alla vera meta del nostro pellegrinaggio terreno.
[Clicca qui per leggere tutto l’Angelus]

Dall’Omelia della Domenica delle Palme
1° aprile 2012, di Benedetto XVI

« […] in questa settimana siamo chiamati a seguire il nostro Re che sceglie come trono la croce; siamo chiamati a seguire un Messia che non ci assicura una facile felicità terrena, ma la felicità del cielo, la beatitudine di Dio. Dobbiamo allora chiederci: quali sono le nostre vere attese? quali i desideri più profondi, con cui [iniziamo]
la Settimana Santa?»
[Leggi l’intera omelia].
ALFONSO MARIA DE’ LIGUORI
Solitudine e aridità, Shalom, 26
«Ama poco Dio chi,  sapendo che Dio è offeso da increduli e peccatori, trascura di pregarlo per la loro conversione»
TOMAS HALIK
 Incontrare il Crocifisso, Via Crucis, Ep

«Gesù non ci invita sulla via della croce
per rimpiangerlo,
ma per cambiare la nostra mentalità
ed il nostro agire»

RENZO BONETTI

Felici e santi. La vita interiore degli sposi
E
P, 57

«Mi viene qualche volta la tentazione di fare un censimento di questo tipo: quanti sposi sanno che hanno Gesù Cristo
in casa? Perché questa è la novità del sacramento
del matrimonio!»
[Leggi di più]
MICHEL RONDET
Lasciatevi guidare dallo Spirito.
Piccolo trattato di teologia spirituale, 
SP, 59

«Noi possiamo essere superficiali, vivere nella mediocrità, ma Dio non cessa di essere ambizioso
per noi e di aspettarsi da noi di più e
meglio di quello che siamo»
[Leggi di più].
Dalla “Prima arma” del testo
“Le sette armi spirituali” di
S. CATERINA DA BOLOGNA
«Quando il nostro avversario non può impedire alla serva di Cristo di praticare il bene, l’assale alle spalle come nemico traditore, cioè cerca di ingannarla, tentandola a fare il troppo sotto forma di bene, per ucciderla»
[Leggi di più]

MARIE MICHELE PHILIPON OP
Il vero volto della Madre di Dio, EP, 143

«Poichè Maria è nostra Madre, noi dobbiamo avvicinarci a Lei con cuore di figlio. Non occorrono formule o metodi complicati. Più una vita spirituale è semplice, più è divina».
[Leggi di più]

Beata Conchita Cabrera de Armida
da Davanti all’Altare, Ed. Ancilla

«È certissimo che nella via della Croce
solo il primo passo costa e
la Croce sostiene colui che la porta con amore»
.
 [Leggi di più].

MAURIZIO BOTTA*
Quel cretino di un cristiano, SP, 126
«È questa la buona notizia! Anziché chiedersi
come fare a raggiungere l’amore per Lui,
dovremmo accorgerci che l’Amore di Lui per noi
ci precede, anticipa, sostiene»
[Leggi di più].

PAOLO VI
Omelia di Domenica 20 settembre 1964

«Che cosa Gesù vede negli uomini? …  come ci giudica? … che cosa scorge in noi? La povera umanità da redimere e salvare. [Egli vede] che, anche sotto la superficie del peccato e del disordine, possiede ancora una ricchezza meravigliosa di amore; Gesù col suo sguardo la trae fuori, la fa straripare dall’anima oppressa».
[Clicca qui per leggere tutta l’omelia].

FRÉDÉRIC VERMOREL

Una solitudine ospitale.
Diario di un eremita contemporaneo
, ETS, 255.

2 luglio 1999, Parigi [Cattedrale di Notre-Dame]
Essere monaco: essere solo  e solo per essere per Dio. Contemplare Dio laddove nessuno lo vede. In questa folla che entra ed esce da Notre-Dame, che pensa a Te, Signore Gesù?
 [Clicca qui per leggere di più]

ANNALENA TONELLI

«La mia vita ha conosciuto tanti e poi tanti pericoli, ho rischiato la morte tante e poi tante volte. […].
E ne sono uscita con una convinzione incrollabile che ciò che conta è solo amare».

[Clicca qua per leggere di più]

CHARLES DICKENS

«Abbi un cuore che mai indurisce,
un carattere che mai si stanca,
e un tocco che mai ferisce».
 Giovanni Paolo II
Familiaris consortio, 17
17. […] l’essenza e i compiti della famiglia sono ultimamente definiti dall’amore. Per questo la famiglia riceve la missione di custodire, rivelare e comunicare l’amore, quale riflesso vivo e reale partecipazione dell’amore di Dio per l’umanità e dell’amore di Cristo Signore per la Chiesa sua sposa.

Benedetto XVI

«Il silenzio è lo spazio
della nascita di Dio»

Albert Vanhoye S.l.
Accogliere l’amore che viene da Dio, AdP, 55

«È molto importante capire che il nostro amore per Dio si deve basare su un amore riconoscente verso di Lui, […] [infatti] per vivere nell ‘amore, dobbiamo ricevere l’amore e riconoscere di riceverlo».
[Clicca qua per leggere di più].

HENRI J. M. NOUWEN
Invito alla vita spirituale, Queriniana, 64-65
«Più ci alleniamo a passare del tempo in solitudine con Dio, più scopriremo che Dio è con noi sempre e in ogni luogo. Allora saremo capaci di riconoscere la sua presenza anche nel bel mezzo delle nostre occupazioni e attività»

Anne Marie Madeleine Delbrêl
Noi nelle strade, 70.

«Suonano? Presto, andiamo ad aprire:
è Dio che viene ad amarci.
Un’informazione? Eccola:
è Dio che viene ad amarci.
È l’ora di mettersi a tavola?
Andiamo: è Dio che viene ad amarci.
Lasciamolo fare!»
[Clicca qui per leggere di più],

Teresa Benedetta della Croce
Edith Stein, Scientia crucis, OCD, 181

«L’uomo è chiamato a vivere nel suo intimo prendendo in mano la regia di tutto se stesso, per quanto è possibile operando da questo punto»
[Clicca qui per leggere di più]